M. Cauceglia, I Gecchele

Torino 14 -15 Giugno 2019

III Congresso Nazionale SIPFo
Le Psicoterapie Forensi: Autori, Vittime e Istituzioni

HCR-20: Uno studio in ambito comunitario per autori di reato.


INTRODUZIONE:
Nonostante i recenti progressi in ambito psichiatrico forense, il trattamento riabilitativo dell’utente autore di reato rimane poco standardizzato, dal punto di vista EBM, e non specifico per le problematiche presenti. Obiettivo comune della riabilitazione in ambito forense è diminuire la possibilità di reiterare il reato e migliorare l’inserimento nel substrato sociale (Robertson et al., 2011). In questo studio viene proposta l’applicazione, in ambiente comunitario, di un trattamento per utenti in misura di sicurezza attraverso la combinazione di una esaustiva valutazione psicologica e un trattamento gruppale specifico per l’ambito forense.

MATERIALI E METODI:
Campione di riferimento: dieci pazienti autori di reato intra-familiare con diagnosi di psicosi.
La valutazione psicologica verrà effettuata attraverso due principali scale di valutazione: HCR-20 (Douglas et al., 2013) mirata all’indagine della pericolosità sociale e dell’aggressività e BDHI (Buss e Durkee, 1957) per la misurazione del cambiamento nella gestione dell’impulsività e dell’ostilità. Altri test psicologici di base verranno somministrati per controllare possibili variabili di confondimento quali stati ansioso-depressivi e quoziente intellettivo. Nella fase di trattamento gli utenti parteciperanno ad uno specifico gruppo strutturato sul reato nonché a trattamenti secondari quali colloqui psicologici, gruppi psicoeducativi, osservazioni ed interventi educativi. Dopo un anno di trattamento verranno nuovamente somministrate alcune delle scale proposte, nello specifico quelle relative all’aggressività ed alla pericolosità sociale.
RISULTATI:
Il risultato atteso è una variazione dei punteggi delle scale HCR-20 e BDHI correlato ad un netto decremento nella reiterazione del reato, un miglioramento generale nella qualità della vita ed un impatto positivo sui sottostanti sintomi psicotici.
CONCLUSIONE:
Questo progetto, si configura come studio mirato a valutare l’efficacia del trattamento in ambito comunitario dell’utente psichiatrico forense con valutazioni e progetti terapeutici specifici ed innovativi.

Autori:
Dr.ssa Marianna Cauceglia, Comunità Terapeutica Riabilitativa Protetta (C.T.R.P.) Don Girelli
Dr.ssa Irene Gecchele Comunità Terapeutica Riabilitativa Protetta (C.T.R.P.) Don Girelli